Sconti fiscali per assicurazioni sulla casa dal rischio di eventi calamitosi

È riconosciuta una detrazione IRPEF nella misura del 19 per cento delle spese sostenute per premi di assicurazione sulla casa e relative pertinenze contro il rischio di eventi calamitosi (Agenzia delle Entrate – Circolare n. 13/E del 2019)

A partire dal 1° gennaio 2018, è possibile detrarre un importo pari al 19% delle spese sostenute per i premi relativi alle assicurazioni aventi per oggetto il rischio di eventi calamitosi stipulate per unità immobiliari residenziali e relative pertinenze. La detrazione non spetta se la polizza è stipulata per assicurare solo la pertinenza.
Con la Circolare n. 13/E del 2019, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che la detrazione spetta al contraente della polizza, indipendentemente dall’intestazione dell’immobile oggetto della stessa, poiché l’agevolazione è riferibile al bene, anziché alla persona.
Per espressa previsione della norma, la detrazione spetta per le polizze stipulate a decorrere dal 1° gennaio 2018. Rientrano fra le polizze che danno diritto alla detrazione anche quelle di rinnovo del contratto preesistente alle stesse condizioni (che deve avvenire a decorrere dal 1° gennaio 2018), in quanto assimilabili alla stipula di un nuovo contratto.
Restano escluse dal beneficio, invece, le polizze pluriennali stipulate prima del 1° gennaio 2018, almeno fino alla relativa scadenza naturale.
La detrazione è riconosciuta senza limiti di importo anche per più unità immobiliari.
In caso di polizze “multirischio”, la detrazione spetta limitatamente alla componente di premio relativa alle garanzie a copertura degli eventi calamitosi.

POLIZZE CONDOMINIALI
Anche le polizze assicurative stipulate dal condominio a garanzia del fabbricato danno diritto alla detrazione IRPEF, relativamente alla quota di premio riferita alla singola unità immobiliare residenziale e alle relative pertinenze. Nel caso in cui il condominio comprenda anche unità immobiliari diverse da quelle residenziali, la detrazione spetta solo sui premi riferiti alle unità immobiliari residenziali e alle relative pertinenze. La quota di premio relativa ai condomini è certificata dagli amministratori; in alternativa il condomino dovrà essere in possesso della copia della polizza e della documentazione da cui si evinca la quota di premio riferita alla propria unità immobiliare effettivamente pagata dal condomino stesso.

DOCUMENTAZIONE DI SPESA
Ai fini della detrazione l’importo del premio deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi nel Quadro E – Sez. I – Rigo E8/E10, utilizzando il codice “43”, e vanno ricomprese anche le somme indicate nella CU2019 (punti da 341 a 352) con il codice 43.
Nell’ambito delle attività di assistenza fiscale deve essere controllata, e conservata per i successivi controlli da parte dell’Agenzia delle Entrate, la seguente documentazione:
– ricevuta di pagamento dei premi o dichiarazione dell’assicurazione attestante il pagamento dei suddetti premi;
– copia del contratto di assicurazione o attestazione rilasciata dalla compagnia di assicurazione da cui risultino i requisiti richiesti.
In caso di polizze condominiali è necessaria la dichiarazione dell’amministratore di condominio che attesti la quota del premio riferito a ciascun condomino e che lo stesso sia stato effettivamente pagato. In alternativa a tale certificazione sarà necessario esibire tutta la documentazione inerente la spesa sostenuta (ricevuta di pagamento e copia contratto)